http://stunrise.it/wp-content/uploads/2015/11/2.png

X Factor 9, Quarta Puntata: Report e Pagelle – “My Name is Giovanni Giorgio”

Puntata elettronica, tra le mie preferite, ancora di più se ad aprire è una carrellata di hit e soundtrack del buon Giorgione Moròder, poi accomodatosi all’XFactor Arena.

Enrica, com’era già successo, deve rompere il ghiaccio e stavolta lo fa con grande energia, grinta, qualità, maturità. Gioca anche a fare un po’ la Beyonce di turno.. perché no?

Anche Davide (coi ballerini sosia/capelloni) non sfigura ma appare un po’ troppo normale, insomma non me lo immagino popstar, seppur le esecuzioni non abbiano mai deluso.

Gli Urban Strangers, vincitori annunciati, ancora una volta con “Numb” dimostrano tutto il loro talento e valore, ma sembra che manchi il definitivo salto di qualità.

Stavolta però esce un nuovo lato, un po’ aggressivo alla Eminem, che ugualmente funziona, sono una band nuova con una formazione mai vista e un’identità definita.

3

Primo ballottaggio finale per Luca che probabilmente paga una scelta non adattissima a lui a livello vocale. “Always on my mind” è un brano straordinario ma non gli si addice, anche semplicemente per un motivo di tonalità. Si salva poi al Tilt, forse grazie sì, alla “faccia da popstar”.

A sorpresa l’ottima performance dei Landlord, seppur non super come altre volte, salva ancora 3 gruppi su 3. I romagnoli dovevano scalare la montagna “Promises” ma tutto sommato con il lavoro arrivano a un risultato più che dignitoso.

I giudici apprezzavano i modo in cui Enrica sta sfruttando la sua occasione di diventare una star? Non si può dire la stessa cosa di Margherita che, probabilmente ha pagato un accumulo di tensione, dimostrandosi mai sicura e di conseguenza meno efficace nelle esibizioni. Una parabola opposta a quella di Enrica, pagata cara.

Parabola invece ascendente nelle quotazioni per i Moseek. Altra esibizione “smashing” per dirla alla Skin. “Revolusion” con qualità, una super voce unica, un’identità di band ben precisa, sonorità originali, messa in scena coerente, anche grazie alle scelte di Fedez che li sta mettendo sempre a loro agio.

Leonardo vede le sue quotazioni calare, a mio parere in questo punto della gara ci vuole di più per essere tra chi sicuramente non andrà al ballottaggio.

Anche lui come Davide, esegue bene ma è un po’ troppo normale, classico, più vecchio della sua stessa “tenera età”. Ci vuole di più.

1

Tutte le certezze ce le fa ritrovare il buon Giosada. Riesce ad interpretare, dall’alto del suo talento ed esperienza, qualsiasi genere come fosse il suo. Lo fa tra l’altro con tecnica, presenza scenica, una voce così perfetta che sembra uscire dal suo corpo già effettata. Top player.

Dopo il primo TILT dell’anno (giusto stavolta) paga Margherita, iniziano ad uscire anche quelli bravi… e ci sta!

Brava lei che preferisce ringraziare tutti invece che “fare brutto” a Skin.

 

I VOTI:

ENRICA 8

MARGHERITA 5

LUCA 5+

LEONARDO 5,5

LANDLORD 6,5

URBAN STRANGERS 6,5

MOSEEK 8

GIOSADA 7

DAVIDE 6+

FEDEZ 8

ELIO 6,5

MIKA 5,5

SKIN 5,5




There are no comments

Add yours

Rispondi

Hide