http://stunrise.it/wp-content/uploads/2014/06/964939_624857477544154_356374721_o-1050x388.jpg

No.Ta – Siamo stati noi

Old but gold. Gli anni ’80 come li avete già sentiti ma come non vi stancherete mai di farlo. Perché ascoltare Siamo stati noi, esordio dei No.Ta datato marzo 2013, vuol dire tornare indietro di una trentina d’anni buoni, a quelle chiome cotonate che tanto spopolavano nei club di Sunset Boulevard tra luci strobo e cameriere mezze nude.

Ma non solo, le dieci tracce del disco raccontano tutto ciò che c’è da dire sul pop rock italiano da odi et amo (ma tu lo ascolti? negare sempre e comunque) di quegli anni, che poi è il genere con cui si fanno ancora soldi oggigiorno, almeno nel nostro piccolo mondo antico. Registrato in cinque mesi allo studio Rocker di Sesto San Giovanni, con poco budget a disposizione ma sotto l’occhio clinico di Olly Riva, il primo prodotto di Tano&co. è certamente qualcosa di interessante, anche se come tutte le opere prime, tranne un esordio del 1989 che non stiamo a citarvi ma vi invitiamo a indovinare (non si vince nulla di nulla), ha dei difetti. Cose da poco bisogna dire, rispetto a quello che spesso si sente dalle band in ascesa.

Il songwriting, seppur semplice, risulta efficace e mai scontato, forse a tratti leggermente macchinoso, ma nel complesso intelligente; testi che suonano sinceri, come storie di vita vissuta in prima persona da chi li canta. Vocalità importante anche se non originalissima, con ampi riferimenti al pop rock italiano: a momenti Vasco, più spesso Masini, altre volte Rino Gaetano. Non tanto per affinità parentali, quanto per espressività.

Le parti di chitarra sono la colonna portante del disco, strutturate ed eseguite davvero bene.

Il suono è graffiante e diretto, soprattutto nei soli, che in questo disco sono sempre una chicca e sembrano urlare hair metal a ogni feedback. Sezione ritmica impeccabile, gli interventi delle tastiere sono più efficaci nelle parti hammondeggianti che quando suonano la sezione di archi (Jessica), dove invecchiano inutilmente la resa complessiva.

Concludendo, Siamo stati noi è un disco di pop rock italiano, serrato, diretto e sincero, che ricerca (e trova) i suoi ingredienti nella dispensa dei dolcissimi eighties. Ingredienti che non sono scaduti, per niente.

 

Tracklist:

1. Fotografie
2. Tentazioni
3. Dimentica
4. Il sole è ancora a metà
5. Sentire che manca
6. Siamo stati noi
7. La migliore
8. L’amore nascosto
9. Jessica
10. Un giorno una donna




There are no comments

Add yours

Rispondi

Hide