http://stunrise.it/wp-content/uploads/2014/10/meduca.jpg

Medulla – Camera oscura

Quando si parla di camera oscura, normalmente, ci si riferisce alla fotografia (si userà ancora? Ma poi a noi che ce frega, ci facciamo i selfie!). Questa, invece, è una Camera oscura che ha poco a che fare con la pur nobile arte dell’usa e getta, questa qui è composta da 12 canzoni. In più gli autori non sono dei paparazzi, bensì dei musicisti, i milanesi Medulla.

L’album, uscito il 14 marzo 2014, è un esempio di alternative rock con chiare influenze dark, date soprattutto dai synth e dalle tastiere di Carlotta Divitini. Strumenti che, anche se spesso minimali, sono fondamentali per quel che riguarda le variazioni, sia tra un brano e l’altro che anche all’interno di uno stesso.

La scelta dei suoni su tutto l’album è abbastanza variegata da non risultare monotona. Le parti di chitarra, pur inserite ad hoc, restano in secondo piano rispetto a synth e voce, a cui viene data la parte del leone durante tutti gli oltre 40’ di disco. Gli arrangiamenti avrebbero potuto essere più articolati, ma evidentemente la band milanese voleva ottenere un risultato essenziale.

Ne risulta un sound abbastanza scuro, ma non opprimente.

Questo cantautorato alternative rock in italiano ricorda da vicino Il Teatro degli Orrori, ma nei pezzi in cui il testo viene recitato, come ad esempio La notte, sale alla mente Max Collini degli Offlaga Disco Pax, sia per stile che per timbro. Va detto che Michele Andrea Scalzo è molto bravo nel dare dinamicità ai testi, alternando parti lente e basse a parti concitate, a dimostrazione di un’ottima capacità di interpretazione. Una menzione speciale per i testi è d’obbligo. Originali, allegorici e con molti riferimenti letterari: Otello ne Il dubbio, Alice nel paese delle meraviglie ne Il coniglio, Cenerentola ne La cenere, Peter Pan ne La tenebra e chissà ch’io non ne abbia perso qualcuno.

I Medulla hanno fatto davvero un buon lavoro con quest’album, diverso da tutto quell’alternative rock che sta poco a poco saturando il panorama emergente italiano. Coerenza ma varietà, un binario su cui le tracce scorrono una dopo l’altra senza annoiare. Il che è più che un successo.

 

Tracklist:

1. La bestia
2. Il limite
3. La filastrocca
4. La polvere
5. Il complice
6. Il nulla
7. La maschera
8. La cenere
9. Il dubbio
10. La notte
11. Il coniglio
12. La tenebra




C'è 1 Commento

Add yours
  1. Medulla | Stunrise

    […] 2012 da Giuseppe Brambilla. Il 2013 è un anno dedicato alla composizione del secondo disco, Camera oscura, mixato da Olly Riva (ex Shandon) presso il Rocker Studio di Sesto San Giovanni e uscito a marzo […]


Rispondi

Hide