http://stunrise.it/wp-content/uploads/2015/04/padiglione-italia-cesso-immondo-vittorio-sgarbi-expo-milano-stunrise.jpg

Il Padiglione Italia è un cesso immondo: 5 opere italiche altrettanto brutte.

Le diatribe sorte in seno a Expo 2015 ospitata dalla città di Milano riguardano i temi più svariati: si parte dagli ovvi dilemmi economici e morali per arrivare a controversie squisitamente estetiche, infiammate da Vittorio Sgarbi (e da chi altri?): il focoso critico d’arte ha recentemente espresso, con la pacatezza e la discrezione che lo contraddistinguono, tutto il personale disgusto nei riguardi del Padiglione Italia

Padiglione Italia è un cesso immondo. Andrebbe bombardato.

realizzato (o meglio, in fase di realizzazione) proprio in occasione dell’Esposizione universale. Quello che vuole rappresentare l’architettura della costruzione è uno “spazio che aiuti progetti e talenti a germogliare, offrendo loro un terreno fertile, dando accoglienza e visibilità alle energie giovani”; quello che sembra è invece uno starnuto congelato che nessuno ha avuto il coraggio di rimuovere. Da qui la felice idea di Sgarbi di “bombardare subito” un abominio del genere, senza aspettare che lo faccia qualche privo di scrupoli disposto a lavorare anche il primo di maggio.

Ai francesi la Tour Eiffel, a noi il Padiglione Italia come immortale ricordo dell’Expo. Per rimanere in tema botanico, ognuno raccoglie ciò che semina e in questo caso neppure il fatto che, a differenza dei nostri rivali transalpini, possiamo vantare nelle nostre toilettes la presenza del pratico e igienico bidet, può salvarci da uno smacco di simile gravità. Per fortuna siamo in Italia, fertile grembo che ha fornito i natali ai più grandi artisti delle storia, sede di alcune tra le più belle opere d’arte che il mondo ha conosciuto e che probabilmente conoscerà. In fondo si tratta solo di un piccolo neo all’interno del nostro museo a cielo aperto… Ma siamo davvero sicuri che il neo sia uno solo? In realtà anche il nostro Belpaese è dimora di veri e propri orrori artistici, da raccogliere in una galleria o, seguendo il consiglio del buon Sgarbi, da “bombardare subito”.




There are no comments

Add yours

Rispondi

Hide