http://stunrise.it/wp-content/uploads/2015/06/jovanotti-gimme-five-stunrise-tormentone.jpg

Estate significa tormentoni: tutti i tormentoni estivi degli anni ’80

1980 – Lu Colombo – Maracaibo

-
Apriamo questa carrellata sui tormentoni estivi dei gloriosi anni ’80 con un classicone italiano, Maracaibo: toni allegri e ritmo che spinge a ballare anche chi non dovrebbe mai farlo (a chi non è mai capitato di provare imbarazzo nel vedere persone dai 45 anni in su che hanno dato il peggio di sé in pubblico su queste note in qualche spiaggia o villaggio turistico?) sono i punti di forza di questa canzone. Anche se eseguita da Jerry Calà rende decisamente meglio.

1981 – Claudio Cecchetto – Gioca jouer

-
E a proposito di gente che balla male, quante canzoni potranno aver causato più figure di merda danzerine del Gioca jouer? Tormentone praticamente immortale, tanto che non è insolito sentirlo ancora oggi, e che è stato anche tradotto in svariate lingue nel corso degli anni.

1982 – Giuni Russo – Un’estate al mare

-
Altro tormentone estivo made in Italy è Un’estate al mare, canzone che non si presta moltissimo a imbarazzanti balli singoli o di gruppo ma che ai tempi ebbe comunque un gran successo e che si legò indissolubilmente all’estate dell’82.

1983 – Righeira – Vamos a la playa

-
Niente, quando sento questo pezzo nella mia testa si forma la scritta “VECCHI IN VACANZA” a caratteri cubitali, ma la canzone non è poi così male. Video low budget, colori sparati a 6000, movenze terrificanti, abuso indiscriminato di tastiere et voilà, il tormentone è servito.

1984 – Sandy Marton – People from Ibiza

-
Daje, questa è una bomba. Nel 1984 il croato Sandy Marton ed i suoi capelli cotonati cacciano fuori People from Ibiza, probabilmente il loro pezzo di maggior successo, che incarnando appieno lo stile della italo disco (giuro, è un genere realmente esistente) arrivò in vetta alla classifica in Italia e fece la sua porca figura anche in molti altri stati europei.

1985 – Dead or Alive – You Spin Me Round (Like a Record)

-
Ci spostiamo nel Regno Unito con i Dead or Alive, che nel 1985 raggiunsero la fama mondiale grazie al singolo You Spin Me Round (Like a Record), che si piazzò in testa alle classifiche di tutto il mondo e che divenne uno dei pezzi più famosi degli anni ’80, generando anche un numero considerevole di cover da parte di altri artisti.

1986 – a-ha – Take On Me

-
Arrivano invece dalla Norvegia gli a-ha, autori del tormentone dell’86 Take On Me (precedentemente pubblicato nell’84 ma rimasterizzato e commercializzato tra l’85 e l’86), che grazie allo stile squisitamente synth pop e ad un video molto particolare divenne uno dei maggiori classici degli anni ’80.

1987 – Sabrina Salerno – Boys (Summertime Love)

-
Torniamo in casa nostra per il tormentone estivo del 1987, ovvero Boys (Summertime Love) di Sabrina Salerno. Probabilmente si tratta del pezzo più famoso della cantante (?) genovese, tant’è che nell’87 raggiunse addirittura il terzo posto nella classifica britannica subito dietro a mostri sacri come Michael Jackson e Madonna. Ho il sospetto che il video potrebbe aver aiutato.

1988 – Jovanotti – Gimme Five

-
Saranno anche passati 27 anni, ma Jovanotti a vederlo da giovane non si riconosce. E non per l’aspetto, rimasto incredibilmente lo stesso, barba a parte. Ma perché sembrava totalmente bruciato. E invece…

1989 – Kaoma – Lambada

-
E concludiamo con i francesi Kaoma, che nell’estate ’89 ottennero la fama mondiale grazie al singolo Lambada. Grazie ad un ritmo orecchiabile e ad una danza accattivante, la canzone raggiunse la vetta delle classifiche in undici diversi Paesi e la top ten in molti altri, diventando uno dei classici degli anni ’80 e divenendo un must in ambito di ballo latino americano.




There are no comments

Add yours

Rispondi

Hide