http://stunrise.it/wp-content/uploads/2015/03/max_zanotti_dj_myke_prodigy_deasonika_recensione_della_vita_della_morte_stunrise.jpg

Della Vita Della Morte – Della Vita della Morte: il perfetto binomio tra Max Zanotti e Dj Myke

É dall’incontro di Max Zanotti e Dj Myke che nascono il duo e l’omonimo album Della Vita Della Morte. Un binomio di razza che si fonde magistralmente insieme, dando vita a una ricetta perfetta, un po’ come il cacio sui maccheroni.

Max è un noto cantautore italiano, leader dei Deasonika, band con cui arriva a calcare il palco di Sanremo 2006 nonché ad aprire il tour italiano dei Placebo. Al suo attivo anche un disco da solista e diverse collaborazioni con artisti italiani. Dj Myke è sul palco dal 1997, un fenomeno e purista dello scratch, arrivato a produrre un album con il progetto The Reverse agli Abbey Road Studios, mixato dal mitico Nigel Godrich (Radiohead).  Tra le mille esperienze in curriculum anche l’apertura  dei concerti dei Prodigy nel loro tour italiano Their law: the singles tour.

I due avevano già collaborato nel 2010 all’album Hocus Pocus, eletto miglior compilation web dell’anno. Una progetto importante in cui Dj Mike aveva lavorato non solo con Max Zanotti (nella traccia Ti ucciderò all’alba, contenuta anche in DVDM), ma anche con artisti del calibro di Fabri Fibra, Diego Mancino e Tormento. Da queste due anime ritrovate nasce così Della Vita Della Morte, un insieme di cantautorato ben concepito e di musica elettronica. I testi sono di altissimo livello e guardano alla realtà con un certo cinismo, ora più melodici, ora con accenti hip hop marcati.

La musica è un continuo esplodere di groove e di elettronica con contaminazioni dubstep.

É perfetto l’accostamento del cantautorato di Max Zanotti allo scratch di Dj Myke, che esplode nella traccia Sembra che io voli via; il singolo che porta il nome dell’album (e del duo) è invece più rilassato rispetto al resto delle tracce, una vera bomba radiofonica. La compilation contiene anche un’ottima versione di Beautiful di Christina Aguilera, adattata ad un sound minimal che da un’aria molto distesa al brano.

Nulla sembra essere lasciato al caso in questo album, una ricetta a cui non mancano ingredienti: testi, musica elettronica, arrangiamenti, produzione, tutto condito in un piatto che riesce a mantenere un’ottima orecchiabilità. Insomma ci si può abbuffare e allo stesso tempo soddisfare il gusto dei palati più fini. Ecco cosa succede quando si uniscono due chef come Max Zanotti e Dj Myke.

VOTO: 5 su 5

 

Bonus:

  • cantautorato eccellente
  • arrangiamenti e produzione di livello
  • orecchiabilita’,che non guasta

Malus: 

  • non ci provo neanche a trovarne

 

Tracklist:

  1. In ogni luogo
  2. Spot
  3. Geniocidio (feat. Rancore)
  4. Nuvole di pietra
  5. Della vita della morte
  6. Non ne sbagli una
  7. Playmobile
  8. Sembra che io voli via
  9. Qui mi fate male (feat. Elisa Begni)
  10. Tutti vogliono uccidere tutti
  11. Il nuovo Charlot
  12. Figlio buono
  13. Beautiful (Christina Aguilera cover)
  14. Ti ucciderò all’alba



There are no comments

Add yours

Rispondi

Hide